Fasci di luce più potenti dei raggi solari per decifrare le pergamene di Ercolano

fasci di luce antiche pergamene ercolano

GEOFF CADDICK / AFP

Frammento di pergamena proveniente da Ercolano

Un gruppo di ricercatori britannici ha sfruttato potenti fasci di luce, più luminosi del Sole, per scartare e decifrare pergamene fragili risalenti a circa 2.000 anni fa, sperando di fornire nuove intuizioni sul mondo antico. I due rotoli completi e quattro frammenti – provenienti dalla cosiddetta biblioteca di Ercolano, l’unica sopravvissuta dall’antichità – furono sepolti e carbonizzati dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. e sono troppo fragili per essere aperti. 

Gli oggetti sono stati esaminati presso lo stabilimento Diamond Light Source nell’Oxfordshire, sede del sincrotrone britannico, un acceleratore di particelle in cui i fasci viaggiano all’interno di un percorso a circuito chiuso per produrre luce molte volte più luminosa del Sole. L’inchiostro sulle pergamene è difficile da vedere, anche attraverso un sincrotrone, perché è a base di carbonio come il papiro su cui è scritto. Ma gli scienziati sperano che la densità della carta sarà diversa dove sono presenti i caratteri scritti.

fasci di luce antiche pergamene ercolano

GEOFF CADDICK / AFP

Acceleratore di particelle presso lo stabilimento Diamond Light  Source nell’Oxfordshire

Analizzando i frammenti in cui i caratteri sono visibili, sperano di creare un algoritmo di apprendimento automatico in grado di decifrare quello che c’è scritto sulle pergamene. I dati generati dal processo saranno analizzati dagli scienziati della Kentucky University negli Stati Uniti utilizzando tecniche di calcolo avanzate per decifrare il contenuto dei rotoli.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Messaggi simili: