Le migliori app dell’anno per Android (secondo Google)

Le migliori app dell'anno per Android (secondo Google)

La migliore app dell’anno è “Drops: impara 31 nuove lingue”. Usa illustrazioni e giochi per insegnare parole straniere. E lo fa ad alto ritmo, imponendo un limite di 5 minuti per ogni sessione. La corono l’ha assegnata, come ogni anno, Google Play, scegliendo tra le applicazioni disponibili per dispositivi Android. Il premio del pubblico è invece andato a Youtube TV. Big G e utenti si sono invece trovati d’accordo sul miglior gioco: è Pugb Mobile.

Le app più divertenti

Oltre ai primi in classifica, Google Play ha indicato il meglio diviso in diverse categorie. Le app più divertenti sono Vimage (un “Generatore di foto live”, che consente di aggiungere effetti di movimento alle tue foto), No.Draw (che aiuta i bambini e rilassa gli adulti abbinando numeri e colori), Neverthink (una sorta di “telecomando” che raggruppa il meglio dei video online), TikTok (la comunità che ha assorbito i video-playback di Musical.ly) e Scout FM (un aggregatore di podcast).

App per imparare qualcosa

Tra le migliori applicazione per l’apprendimento, oltre alla vincitrice Drops, ci sono: Mimo (per imparare i principi del coding), 10% Happier (specializzata in tecniche di meditazione), Keep (un “allenatore digitale” a domicilio), MasterClass (che propone corsi online tenuti da star del proprio settore, dalla fotografa Annie Leibowitz al cestista Stephen Curry).

Le più utili 

Le app scelte per facilitare la vita quotidiana sono invece Tasty (una sorta di libro di video-ricette sempre aggiornato), Sift (l’app traccia gli acquisti online e suggerisce le offerte e le possibilità di rimborso che di solito sfuggono all’utente), Cava (uno strumento gratuito per il fotoritocco), Notion (blocco note e agenda per smartphone), Otter Voice Notes (un’agenda personale che combina note scritte con audio e foto).

Cinque “chicche nascoste”

Google ha selezionato, infine, cinque “chicche nascoste”. App poco note ma che si sono meritate l’attenzione di Android. Slowly utilizza il digitale per trovare un “amico di penna” che abbia gli stessi interessi. Le “lettere” sono digitali, ma vengono spedite e consegnate con i tempi del mondo “analogico”: variano a seconda della distanza reale. Unfold offre risorse (foto ed elementi di design digitale) per creare Storie sui social network. Just a Line permette di realizzare disegni in realtà aumentata, catturando in immagini l’intreccio tra mondo digitale e fisico. Luci è un tutor che aiuta a ricordare i sogni. Una sorta di diario digitale della propria attività onirica. Learn Spanish with Lirica aiuta a imparare lo spagnolo partendo dalla musica e dai brani latini più famosi.   

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it

Messaggi simili: