Draghi a Capitol Hill: “La guerra è una sfida per la democrazia”

AGI – “Dato che siamo con l’Ucraina, dobbiamo lavorare insieme per superare le conseguenze della guerra sull’economia globale”. Lo ha affermato il presidente del Consiglio Mario Draghi in occasione della visita al Capitol Hill e all’incontro con la speaker della Camera Nancy Pelosi.

“In Italia – ha ricordato Draghi – abbiamo agito rapidamente per diversificare le nostre fonti di energia lontano dalla Russia. Stiamo assicurando il gas naturale da altri fornitori e accelerando il nostro passaggio verso le fonti rinnovabili. La cooperazione energetica è essenziale mentre ci muoviamo attraverso questa transizione”.

Non solo, ma Draghi ha sottolineato come la guerra in Ucraina minacci anche la sicurezza alimentare in numerosi paesi a basso e medio reddito: “Dobbiamo aiutarli sia a livello bilaterale che multilaterale, per evitare il rischio di instabilita’ economica e politica”, ha concluso. 

Mario Draghi si dice “onorato” di trovarsi nel centro della democrazia: nella sua visita al Capitol Hill, il premier italiano incontra la speaker della Camera Nancy Pelosi e nel consueto scambio di battute davanti alla stampa, coglie l’occasione per sottolineare come il conflitto ucraino rappresenti “una grande sfida per i valori al centro della democrazia”. Il premier ricorda che “non è in gioco solo l’integrità territoriale dell’Ucraina, la sua sovranita’, la sua indipendenza. Questo e’ un attacco al sistema internazionale basato sulle regole che abbiamo costruito insieme dopo la seconda guerra mondiale”.

“In quanto forti alleati, siamo fermi nel nostro impegno a promuovere la pace e la stabilità a lungo termine”. Ha aggiunto il presidente del Consiglio.

“È essenziale continuate a rafforzare le nostre relazioni in tutti i contesti, insieme ai nostri partner dell’Ue”, ha sottolineato il premier.

Pelosi, Italia partner pace nel mondo e sostegno a Ucraina

“Voglio ringraziare l’Italia per i soldati americani che ospita sul suo territorio e

Continua a leggere – Fonte dell’articolo

 

Messaggi simili:

Torna su