Il Giardino di Ninfa compie 100 anni, boom di visite dopo il lockdown

AGI – Nove ettari di incanto. Piante provenienti da tutto il mondo adagiate sulle antiche rovine di una città medievale, corsi d’acqua cristallina. Il Giardino di Ninfa non smette mai di stupire e questo, per questo luogo voluto dalla nobile famiglia Caetani, è probabilmente l’anno più bello.

 Non a caso migliaia di visitatori, ad oggi oltre 30mila per le prime quattordici giornate di apertura dopo il lockdown, hanno deciso di rilassarsi e godere della bellezza di questo luogo straordinario che attira ogni anno turisti da tutto il mondo e che ogni anno è meta di star, produzioni televisive e shooting di moda.

Oltre duemila persone per ogni apertura, un record di visite nonostante quello che è stato definito il giardino più romantico del mondo, che nel 2020 compie cento anni, ha dovuto rinviare a causa dell’emergenza Covid i festeggiamenti per questa ricorrenza speciale e che erano previsti a partire dal 21 marzo.

giardino ninfa cento anni boom visite lockdown
Giardino di Ninfa

 Tutto dopo il lockdown ma nessun problema visto che il ricco programma di eventi, organizzato in collaborazione con la Regione Lazio, patrocinato dalla Rai e di cui è media partner La Repubblica, copre tutto l’anno ed è stato esteso fino al 2021

 “Cento anni di bellezza”, lo slogan scelto per questo 2020. Cento anni da quando i nobili Caetani, Gelasio in particolar modo, tornarono sui loro possedimenti e trasformarono in giardino quella città medievale abbandonata che molti secoli prima era stata oggetto di contese e che gli era stata affidata dal loro antenato, Papa Bonifacio VIII, al secolo Benedetto Caetani. Gelasio, grande ingegnere, bonificò la zona, iniziò a piantare i primi alberi e a sfruttare la forza dell’acqua proveniente dalla sorgente Ninfa che molti secoli prima era stata decantata anche da Plinio.

Il resto lo

Continua a leggere – Fonte dell’articolo

 

Messaggi simili: