Cinema: morto a Roma il regista Ugo Gregoretti, aveva 89 anni

morto Ugo Gregoretti

Agf

Ugo Gregoretti in una foto recente

È morto nella sua casa di Roma, Ugo Gregoretti, regista, autore tv e attore. Era nato il 28 settembre 1930 a Roma. Arguto e ironico osservatore di costume, Gregoretti aveva esordito sul piccolo schermo con ‘La Sicilia del Gattopardo’ nel 1960, documentario he gli valse il Prix Italia. In Rai realizzò poi lavori televisivi di grande successo, in cui univa ironia, sperimentalismo e grande cultura: da ‘Controfagotto’ del 1961, a ‘Il Circolo Pickwick’ del 1968, dalle serie parodistiche Romanzo popolare italiano del 1975 e ‘Uova fatali’ del 1977, all’omaggio a Zavattini scrittore del 1982, dall’inchiesta Sottotraccia nel 1991 dedicata all’Italia seminascosta, a ‘Lezioni di design’ nel 2001, trasmissione che presentava oggetti notevoli di design ed i relativi autori e che fu insignita nel 2001 del Premio Compasso d’oro.

Fu anche regista cinematografico tra cui spiccano l’apologo fantascientifico ‘Omicron’ del 1963 e, lo stesso anno, ‘Ro.Go.Pa.G., film del 1963 diviso in quattro episodi, il cui titolo è una sigla che identifica i registi dei quattro segmenti: Rossellini, Godard, Pasolini e Gregoretti. 

Sempre impegnato politicamente – nel 1970 aderì al Partito Comunista Italiano, rimanendo poi sempre legato all’area politica della Sinistra italiana anche negli anni successivi al suo scioglimento – realizzò due importanti documentari sulle proteste degli operai alla fine degli anni ’60: ‘Apollon, una fabbrica occupata’ nel 1969 e ‘Contratto’ nel 1971.

Si è misurato anche come regista lirico, mettendo in scena tra l’altro una memorabile edizione de ‘L’italiana in Algeri’ nel 1976, mentre nel 1998 ha messo in scena ‘Purgatorio 98’, una versione rivisitata e ‘contaminata’ del Purgatorio di Dante in cui ha fatto uso anche del dialetto napoletano.

Nel 2009 ha ricevuto il Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi, quale “giornalista, autore teatrale e televisivo, regista, attore, sempre uomo d’alto impegno intellettuale e civile”, e nel 2010 il Nastro d’argento alla carriera, mentre nel 2016 viene insignito del titolo di socio onorario del Rotary Club di Benevento.

Nel 2006 ha pubblicato la sua autobiografia ‘Finale aperto’, riedita nel 2012 con il titolo ‘La storia sono io (con finale aperto)’ di cui al Bif&st annuncio’ 4 anni fa di voler fare un film a basso costo: “Sarà il ritratto di un perfetto cialtrone, la mappa esatta delle mia cialtroneria congenita e inguaribile”, racconto’.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Messaggi simili: