Europee: Calenda, candidato se manifesto vedrà luce; andare oltre Pd

Europee Calenda

 Maria Laura Antonelli/Agf

 Carlo Calenda

“Mi candiderò alle Europee se il mio progetto vedrà la luce e se sarà di grande qualità”. Lo ha affermato Carlo Calenda intervistato da RaiNews24 sulla lista unitaria antisovranista da presentare alle elezioni. “E’ una scelta di vita importante ma sono assolutamente pronto a farlo” ha aggiunto l’ex ministro. “Non credo però di fare personalmente la differenza – ha aggiunto – questa la possono fare solo gli italiani facendo una scelta di campo netta, o dentro l’Europa o alla deriva”. Le primarie? “Non voterò – ha risposto Calenda – le rispetto ma sono coinvolto in questo progetto”.

“Io sono ancora nel Pd – ha detto anche Calenda – ma è molto chiaro che il Pd non basta. Noi non dobbiamo fare una lista ‘contro’ ma una lista ‘per’, per cambiare l’Europa”. In merito ai consensi suscitati: “Bisogna unirsi su contenuti precisi, non dobbiamo aggregare le forze che si vogliono alleare con la lega o con i Cinque stelle” ha detto l’ex ministro. “Mi piacerebbe avere nel progetto figure come Enrico Giovannini o Marco Bentivogli della Cisl, ma soprattutto avere molti cittadini italiani”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Messaggi simili: