La saga di ‘Twilight’ ricomincia, stavolta ha gli occhi del vampiro

AGI – Stephenie Meyer è un genio. E non solo perché ha creato un mondo fantasy stravolgendo con coraggio e bravura uno dei classici dell’horror, la storia di Dracula il vampiro. Inserendo elementi provenienti anch’essi dalla tradizione gotica dell’horror, i lupi mannari. Ha reso quel mondo cupo, maledetto e terrorizzante, molto umano, accessibile a tutti (soprattutto alle teen ager). Addirittura romantico.

Ha inventato l’amore impossibile tra un vampiro (buono) e una ragazzina adolescente che, da ‘Twilight’ del 2006 a ‘Breaking Dawn’ del 2008, passando per ‘New Moon’ ed ‘Eclypse’ del 2007, ha raccontato con bravura e intelligenza nella saga best seller da 160 milioni di copie.

Stephenie Meyer, 47enne americana dell’Arizona, dopo aver continuato a sfruttare le fortune della storia d’amore tra Edward Cullen e (Isa) Bella Swan pubblicando nel 2016 l’edizione speciale ‘Life and Death’, spettacolare riscrittura di ‘Twilight’ in cui si è divertita a invertire il sesso dei protagonisti (il vampiro è una donna, e l’umano è un uomo), torna dal 24 settembre nei negozi italiani con ‘Midnight Sun’, pubblicato da Fazi Editore (lo stesso di tutta la saga di ‘Twilight’). 

Un romanzo di 782 pagine (Collana Lainka, prezzo: 20 euro) che avrà una tiratura iniziale di 100mila copie che, è facile prevederlo, andranno presto esaurite, se si pensa che ad agosto il libro era già numero 1 nella classifica delle vendite di Amazon Italia, con i preordini già aperti al prezzo di 9,99 euro per il formato ebook e 19,99 euro per il formato cartaceo.  Negli Usa, intanto, è già un best seller che ha venduto un milione di copie nella prima settimana.

Perché la Meyer è un genio, dunque? Perché ha ripreso in mano la sua saga da milioni di lettori (e milioni di dollari) e ha deciso di riproporla cambiando solo il soggetto narrante. Stessa storia, quindi, ma diversa prospettiva. Diverse sensazioni, emozioni. Chi ha letto ‘Twilight’, ma anche chi ha visto

Continua a leggere – Fonte dell’articolo

 

Messaggi simili: