In Australia vogliono ri-utilizzare l’urina come fertilizzante per i parchi

AGI – È ricca di potassio, fosforo e azoto, potrebbe essere perfetta, ovviamente riciclata e trattata, per fertilizzare i parchi delle città. Ma ce ne liberiamo appena possibile (anche con repulsione). Stiamo parlando dell’urina, quella umana, che di potassio, fosforo e azoto è fonte libera, abbondante e inesauribile. Dei suoi possibili usi per aiutare le piante a crescere si è occupato uno studio della Griffith University, università della South East Queensland, in Australia: una ricerca che è anche un progetto di quattro anni.

Da una parte la teoria, dall’altra la sperimentazione sul campo.  Di che si tratta? Nei servizi igienici dei parchi verrà installato un dispositivo per la separazione delle urine (sotto la curva a U) che intrappolerebbe i nutrienti adatti al riutilizzo, rimuovendo contemporaneamente le sostanze chimiche indesiderate, come i metalli pesanti.

australia utilizzare urina come fertilizzante per i parchi
Melbourne

Insomma, la tecnologia, fa sapere il team di lavoro, già esiste. I muri da superare sono piuttosto normativi e ovviamente sociali (il “fattore schifo”). Il progetto fa parte di Nutrients in a Circular Economy macroprogetto da 2 milioni di dollari, guidato dall’Università della Tecnologia di Sydney e che include altre università, appunto come Griffith, partner commerciali e governativi. Il punto è questo, fanno sapere dal team di lavoro: Se vogliamo arrivare a zero emissioni nette di carbonio, dobbiamo prendere le  distanze dai fertilizzanti sintetici.

Un tesoro di nutrienti

L’urina umana è, ha detto Cara Beal, del Cities Research Institute della Griffith University, “un tesoro di nutrienti che potrebbero aiutare a far crescere i raccolti e invece la gettiamo nel water”. L’urina umana certo può contenere elementi indesiderati come agenti patogeni, ormoni e antibiotici che devono essere elaborati. “Ma le cose buone sono l’azoto, il fosforo e il potassio che le piante amano. La tecnologia è importante, ma non

Continua a leggere – Fonte dell’articolo

 

Messaggi simili:

    None Found

Torna in alto