Lo scontro (e il chiarimento) tra Lega e Forza Italia

AGI – ‘Berlusconi: La crisi è grave. Siamo pronti a entrare al governo con una nuova maggioranza’. È il titolo di un’intervista di Silvio Berlusconi a ‘Repubblica’ che fa esplodere un piccolo caso (poi risolto) tra Forza Italia e Lega. Nel colloquio col quotidiano romano, il presidente di Forza Italia premette di non credere che “esistano le condizioni” per un esecutivo di unità nazionale e di non ritenere che “servirebbe all’Italia un governo con forze politiche antitetiche tra loro”, come FI e M5s. Tuttavia, prosegue, se “in questo Parlamento si creassero davvero le condizioni per una maggioranza diversa, più efficiente, più rappresentativa della reale volontà degli…

AGI – ‘Berlusconi: La crisi è grave. Siamo pronti a entrare al governo con una nuova maggioranza’. È il titolo di un’intervista di Silvio Berlusconi a ‘Repubblica’ che fa esplodere un piccolo caso (poi risolto) tra Forza Italia e Lega. Nel colloquio col quotidiano romano, il presidente di Forza Italia premette di non credere che “esistano le condizioni” per un esecutivo di unità nazionale e di non ritenere che “servirebbe all’Italia un governo con forze politiche antitetiche tra loro”, come FI e M5s. Tuttavia, prosegue, se “in questo Parlamento si creassero davvero le condizioni per una maggioranza diversa, più efficiente, più rappresentativa della reale volontà degli italiani, andrebbe verificata, naturalmente prima di tutto con i nostri alleati”.

Si tratta di posizione, per la verità, già espressa dal Cavaliere, che da tempo non chiude all’ipotesi della ricerca di altre maggioranze in Parlamento, in caso di crisi dell'”inadeguato” governo delle “quattro sinistre” guidato da Giuseppe Conte. Anche se l’ex premier ribadisce sempre come ‘conditio sine qua non’ la fedeltà alla coalizione di centrodestra. Ma il titolo così esplicito sull’ipotesi di nuove maggioranze, non smentito, accende qualche sospetto in casa Lega. Ed è così che in via Bellerio si aspetta poco dopo le 13 e poi si fa trapelare una ‘velina’ al vetriolo. “La via maestra sono le elezioni. Mandare a casa un governo che blocca tutto è vitale per il futuro dell’Italia”, si commenta nella nota, concordata – come tutto quello che esce dalla comunicazione leghista – con Matteo Salvini. “Certo – si aggiunge – sul Mes la posizione di Forza Italia è contro l’interesse nazionale“.

La controreplica di FI

Altrettanto aspra la replica fatta trapelare da fonti di Forza Italia, che definisce “scivolone” la presa di posizione leghista. “Invitiamo le ‘fonti della Lega’ a leggere il testo delle interviste senza fermarsi ai titoli. Se l’avessero fatto, avrebbero scoperto che il presidente Berlusconi non

Continua a leggere – Fonte dell’articolo

 

Messaggi simili: