Il governo prepara la chiusura di città e territori, ma non sarà lockdown totale. Scontro sulla scuola

AGI – In Francia hanno tenuto aperte le scuole ma hanno chiuso i negozi, in qualche modo bisogna decidere: è il ragionamento fatto dal ministro della Salute Roberto Speranza, secondo quanto riferiscono partecipanti all’incontro che si è tenuto venerdì sera alla presenza del premier Giuseppe Conte e dei capi delegazione di maggioranza, ad evidenziare la preoccupazione e i dubbi del governo su come agire per fronteggiare il diffondersi del contagio del virus. L’Ipotesi di una nuova stretta per la scuola Sul tavolo l’ipotesi di una maggiore stretta per quanto riguarda la scuola. La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, sempre secondo quanto…

AGI – In Francia hanno tenuto aperte le scuole ma hanno chiuso i negozi, in qualche modo bisogna decidere: è il ragionamento fatto dal ministro della Salute Roberto Speranza, secondo quanto riferiscono partecipanti all’incontro che si è tenuto venerdì sera alla presenza del premier Giuseppe Conte e dei capi delegazione di maggioranza, ad evidenziare la preoccupazione e i dubbi del governo su come agire per fronteggiare il diffondersi del contagio del virus.

L’Ipotesi di una nuova stretta per la scuola

Sul tavolo l’ipotesi di una maggiore stretta per quanto riguarda la scuola. La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, sempre secondo quanto si apprende, ha espresso tutte le perplessità per le mosse di quei governatori che, in maniera autonoma, hanno deciso di chiudere. L’esponente M5s ha di nuovo portato i dati secondo i quali negli edifici scolastici non si registrerebbero particolari focolai. Il presidente del Consiglio Conte avrebbe concordato sull’importanza di permettere agli studenti di continuare le lezioni anche in presenza, ma l’ipotesi di maggiori misure restrittive – magari attraverso un provvedimento dei ministeri interessati – non è da escludere.
    L”exit strategy’ potrebbe essere quella di una norma nazionale che porti tutti gli studenti italiani nelle scuole superiori a continuare la loro attività da remoto. Il premier sta valutando. In ogni caso, sempre secondo quanto si apprende, avrebbe rimarcato la legittimità dei governatori a poter agire con regole più stringenti. Legittimità sancita anche dall’ultimo Dpcm. Italia viva, con le ministre Bonetti e Bellanova, è sulla stessa lunghezza d’onda della ministra Azzolina. La richiesta del partito di Renzi è quella di lasciare aperte le scuole ma la decisione in merito arriverà solo oggi quando si terrà una nuova riunione a palazzo Chigi. Al momento comunque non è previsto alcun dpcm nel weekend.

Conte frena sul lockdown

Il presidente del Consiglio frena su un lockdown

Continua a leggere – Fonte dell’articolo

 

Messaggi simili: