Via libera del governo alll’obbligo del Green pass per i lavoratori della scuola, dell’università e delle Rsa

AGI – Via libera del Consiglio dei ministri all’estensione dell’obbligo del Green pass per i lavoratori nel settore della scuola, dell’università e delle Rsa.  Come preannunciato in Aula dalla sottosegretaria Bergamini, il governo ha dato parere favorevole all’odg di FdI sulle cartelle esattoriali e poco dopo l’Aula della Camera ha dato il suo via libera, ampio e trasversale: i voti a favore sono 326, 7 contrari e 9 astenuti (i deputati di Leu).

Il tema è stato al centro di una lunga mediazione tra il governo e le forze politiche, sia di maggioranza che di opposizione, che ha portato a un’intesa con il conseguente ritiro da parte di FdI dell’emendamento analogo per trasformarlo in odg. Intesa che ha fatto sì che la Lega, dopo che il governo ha accolto diversi odg leghisti in tema di green pass, abbia deciso di votare a favore del provvedimento.

Mercoledì i leghisti (una riflessione era in corso anche tra gli azzurri) erano intenzionati a sostenere l’emendamento di FdI. Poi la mediazione e l’accordo raggiunto, con l’impegno dell’esecutivo. Tanto che anche FdI ha deciso di ritirare l’emendamento, che non è stato quindi messo in votazione.

La sottosegretaria Debora Bergamini ha spiegato in Aula: “Non c’è l’assenza di volontà politica ma un problema di copertura economica”. Poco prima il capogruppo della Lega, Riccardo Molinari, in una nota spiegava: “Grazie alla trattativa di queste ore portata avanti dalla Lega, il governo si impegna a prorogare ulteriormente i termini delle notifiche delle cartelle esattoriali riferite al periodo relativo all’emergenza della pandemia. Impegno esteso anche a sospendere gli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati dall’agente della riscossione. Un aiuto concreto per permettere a milioni di italiani di uscire dalla crisi”.

“La Lega è soddifatta perché, dopo un confronto costruttivo, è riuscita a ottenere dal governo alcuni impegni importanti, confermati in sede di accoglimento di ordini del giorno

Continua a leggere – Fonte dell’articolo

 

Messaggi simili:

    None Found

Torna in alto