A Sassari un gruppo di lettura come antidoto all’isolamento

AGI – È una sorta di una ‘terapia’ contro l’isolamento alimentato dalla pandemia e dal dilagare del digitale e risponde all’esigenza, sempre più sentita di ritrovarsi e condividere riflessioni, conoscenze ed emozioni che lasciano nei lettori le pagine di un libro. Il fenomeno dei gruppi di lettura cresce, alimentato dal mai sopito bisogno di socialità ma anche dall’entusiasmo delle piccole librerie indipendenti sopravvissute. Sotto Natale ne è nato uno a Sassari, il Book club Koiné, animato soprattutto da donne over 40, in prima linea nella categoria dei cosiddetti ‘lettori forti’: una trentina di persone, per ora, anche residenti fuori dalla Sardegna, che si trovano in presenza e anche online, per coloro che non possono presenziare agli incontri con cadenza mensile su un libro scelto dai partecipanti.

Assente la generazione Z

Pochi gli uomini. E all’appello mancano i giovani, i nativi digitali abituati a ‘sfogliare’ il mondo dallo smartphone e sempre meno abituati al gesto della lettura. Generazione Zeta che alla parola condivisione associa un tasto sui social. “Ci è’ stato richiesto da alcuni lettori, ma la nostra iniziativa eè stata anche una sfida a questi tempi di isolamento“, spiega all’AGI Aldo Addis, titolare della libreria indipendente di Sassari che da il nome al gruppo di lettura. “Alcuni ci hanno espresso il desiderio di tornare a condividere e questo sentore lo abbiamo avuto anche dalle presentazioni di libri degli ultimi mesi, sempre molto frequentate, cosi come dalla ripresa delle fiere letterarie e dei festival che hanno avuto un ottimo riscontro di pubblico”.

Libri Sassari gruppo lettura antidoto a isolamento

© Afp

Libri e lettura

Un antidoto agli effetti del lockdown e anche un modo di reagire e respingere l’abitudine a chiudersi e vivere tutto privandosi della condivisione. “È una delle scommesse per il futuro”, aggiunge Addis. “Più ci dicono che non

Continua a leggere – Fonte dell’articolo

 

Messaggi simili:

    None Found

Torna in alto