Alexa in eterno mutamento, ecco le ultime novità

AGI – Ci sono i Widget APL, disponibili nella Developer Preview, che consentono agli utenti di interagire con i contenuti dalla schermata iniziale del loro dispositivo. Ci sono le Alexa Shopping Actions (come aggiungi al carrello e acquista) che permettono di vendere prodotti da Amazon.it attraverso le skill. E poi anche la disponibilità delle Interactive Media Skill Components, che ridurranno il tempo necessario ai produttori di contenuti (radio, podcast e musica) per lanciare esperienze interattive su Alexa.

Sono alcune delle nuove funzionalità in arrivo su Alexa, l’assistente vocale di Amazon che può controllare fino 140 mila prodotti: in tutto sono più di 50, 30 per l’Italia e sono state presentate nel corso di Alexa Live, la terza conferenza annuale degli sviluppatori (nel mondo se ne contano più di 900 mila e hanno sviluppato più di 130 mila skill).

Alcune di queste skill sono dedicate agli sviluppatori, altre riguardano anche gli utenti. Alcune sono poi disponibili solo negli Stati Uniti (come la possibilità di dare ad Alexa una voce maschile, Ziggy).

Fare di piu, pensare di meno

“Gli sviluppatori e i produttori di dispositivi sono stati fondamentali per l’evoluzione di Alexa e saranno fondamentali per il futuro di tutta la nostra famiglia di dispositivi e servizi” ha dichiarato Jeff Blankenburg, Chief Evangelist Amazon Alexa. Per Blankenburg l’obiettivo di Alexa è “essere un assistente ambientale proattivo, personale e prevedibile” che permetta agli utenti “di fare di più e di pensare meno alla tecnologia”.

Smart home più facile

In chiave Smart Home Amazon ha sviluppato un ecosistema aperto. Supportando più protocolli per la casa intelligente, in questo modo, è più semplice per produttori di dispositivi e sviluppatori collaborare con Alexa e creare soluzioni innovative per i consumatori finali. Nell’ultimo anno e mezzo, Amazon e altri produttori leader di device per la casa intelligente, hanno sviluppato un nuovo protocollo di interoperabilità chiamato

Continua a leggere – Fonte dell’articolo

 

Messaggi simili:

Torna su